Birrificio valdostano B63

In una piccola regione come la Valle d’Aosta esiste un’alta concentrazione di birrifici artigianali. Un chiaro esempio è il Birrificio B63, una splendida azienda dai mille volti. E’ un vero e proprio laboratorio artigianale dove si produce birra, non pastorizzata e né filtrata, in perfetto stile germanico. Non è solo un birrificio riservato alla produzione di birra artigianale, ma anche un accogliente locale nel centro di Aosta in cui è possibile gustare una pregiata birra cruda abbinata a un gustoso piatto locale in grado esaltarne il fascino organolettico. Si tratta di un’ esperienza polisensoriale che incanta tutti gli amanti del

birre artigianali birrificio b63

In una piccola regione come la Valle d’Aosta esiste un’alta concentrazione di birrifici artigianali. Un chiaro esempio è il Birrificio B63, una splendida azienda dai mille volti. E’ un vero e proprio laboratorio artigianale dove si produce birra, non pastorizzata e né filtrata, in perfetto stile germanico. Non è solo un birrificio riservato alla produzione di birra artigianale, ma anche un accogliente locale nel centro di Aosta in cui è possibile gustare una pregiata birra cruda abbinata a un gustoso piatto locale in grado esaltarne il fascino organolettico. Si tratta di un’ esperienza polisensoriale che incanta tutti gli amanti del “buon bere”, in particolar modo gli intenditori di birra e gli appassionati della buona forchetta. Grazie alle prelibate tipologie di birre proposte sarà possibile assaporare anche i tipici sapori tedeschi, come lo stinco brasato alla birra, il tagliere tedesco con brezel oppure la tagliata di fassone. Il Birrificio B63 è una delle poche realtà valdostane facili da ricordare per il suo nome breve, ma soprattutto per la sua grande passione e impegno che dedica alla produzione di questa deliziosa e antica bevanda. L’obiettivo non è solo produrre una birra artigianale di qualità, con ingredienti speciali e dal sapore unico, ma soprattutto il piacere di condividerla con tutti gli altri estimatori. Acqua, malto, luppolo e tanta passione, questi sono i pochi e semplici ingredienti che fanno grande il B63. Ogni giorno, Paola e Antonio, i due proprietari che hanno dato vita a questo fantastico progetto, realizzano un “nettare” speciale grazie alla loro perseveranza e alla gran voglia di creare. Attraverso le antiche ricette e i vecchi metodi di preparazione, i due mastri birrai raccontano il mondo della birra artigianale, mescolando sapientemente i loro interessi e le loro esperienze in questo campo e trasformando semplici ingredienti in una melodia di emozioni.

Le varietà di birre offerte da B63

Tutte le birre prodotte dal birrificio B63 sono rigorosamente artigianali, crude e senza aggiunta di prodotti chimici, come conservanti e coloranti. Inutile dire che tutti gli ingredienti utilizzati per la produzione, come il malto, il luppolo e i lieviti, provengono dalla regione tedesca e, prima della partenza, vengono accuratamente selezionati per garantire il giusto standard qualitativo. Il valore aggiunto è dato dall’acqua delle montagne valdostane, caratterizzata dalle ottime proprietà chimico-fisiche e che ben si prestano allo stile delle bionde prodotte dal birrificio B63. L’estro e la maestria di Antonio ha portato alla creazione di tre varietà di birre: la Swing, come la lager, a bassa fermentazione e molto chiara; la Jazz, molto speciale, ambrata e ad alta fermentazione stile Dunkel Weizen; la Blues, a doppio malto e a bassa fermentazione, disponibile anche in versione barricata. In aggiunta a questo tridente base, si affiancano la Country, dai toni chiari ad alta fermentazione, la Soul, tipo Schwarbier, una scura a doppio malto a bassa fermentazione, la Rock, molto chiara a doppio malto che unisce armonicamente le note dolci del miele con il pepe nero. L’ultima produzione riguarda la Reggae, già diventata famosissima: ad alta fermentazione, chiara, speciale tipo I.P.A. e senza compromessi.

A ogni birra il suo bicchiere!

Il Birrificio B63 serve ogni sua bevanda in un apposito boccale di vetro idoneo per esaltarne il gusto e i sapori. Tutti i bicchieri vengono lavati doppiamente a mano prima di essere riempiti in modo da far scorrere la birra più facilmente e generare un gustoso cappello di schiuma, molto utile per evitare l’ossidazione al contatto con l’aria.
Come suggeriscono i due proprietari, il segreto sta nel saper aspettare il giusto tempo, che consiste nella formazione del cappello di schiuma e la successiva “esplosione” dei gas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *