Caffè nel mondo: come si beve?

Anche se noi italiani possiamo vantare un patrimonio culturale che riguarda il caffè davvero invidiabile, in tutto il mondo questa bevanda è preparata nei modi tradizionali più particolari. Ecco quali sono le principali modalità di consumo del caffè nel mondo.

Caffè nel mondo

Caffè irlandese (Irish coffee)

È senza dubbio una delle varianti più note (e imitate) di caffè a livello mondiale, ma anche in patria vi sono così tante diverse modalità di preparazione di questa bevanda calda, che descrivere una ricetta “originale” non è affatto cosa semplice. In genere, però, l’Irish Coffee si prepara versando del whisky (irlandese, naturalmente!) sul fondo di un bicchiere, aggiungendo del caffè fino a un paio di centimetri dal bordo e mescolandovi poi lo zucchero fino a completo scioglimento. Si versa poi con delicatezza della panna montata sul liquido, aiutandosi con il dorso di un cucchiaio per non farla sprofondare, e infine si serve senza cucchiaino.

Caffè turco e caffè greco

Viene preparato mettendo in un bricco caffè macinato, zucchero (opzionale) e acqua, e facendo bollire il tutto per alcuni minuti. Il liquido viene poi versato nelle tazzine, ed è necessario attendere qualche minuto prima di poterlo sorseggiare perché il caffè in sospensione deve depositarsi sul fondo. Attenzione, quindi, a non mescolare! La consistenza di questo caffè risulta piuttosto “sabbiosa”, pertanto si tratta di una variante molto particolare che non tutti gli italiani gradiscono.

Caffè cubano

Preparato non solo sull’isola caraibica ma anche in Florida, dove vive una prosperosa comunità cubana, questo caffè è un curioso mix di tradizioni cubane e italiane. La bevanda viene infatti preparate con macchine da caffè di importazione italiana, ma addolcito con zucchero prodotto localmente della qualità Demerara durante la preparazione. Le prima gocce di caffè, mescolate con lo zucchero, vengono agitate vigorosamente con un cucchiaino nella tazzina in modo da formare una schiuma cremosa (detta “espumita”), che viene poi unita al resto del caffè.

Caffè messicano (cafè de olla)

Si prepara scaldando acqua, zucchero di canna e cannella in un padellino, facendo bollire il tutto e poi aggiungendo caffè macinato. Si fa proseguire l’ebollizione per poi lasciar riposare qualche minuto, e si versa il liquido in una tazza filtrando la miscela con un colino. Il caffè messicano va bevuto caldo, eventualmente con l’aggiunta di una spruzzata di semi di anice.

Melange viennese (wiener melange)

È una specialità austriaca simile al cappuccino, ma con la differenza che invece di usare l’espresso si parte da una base di caffè meno forte, aggiunta ad una buona dose di latte caldo. Tradizionalmente si serve con un bicchiere di acqua, che viene bevuto per pulirsi la bocca.

Caffè vietnamita (sa phe o cafè da)

Viene preparato con caffè della varietà Robusta ad elevato grado di tostatura ed acqua bollente, sino a ottenere un liquido scuro, denso e forte che viene poi aggiunto al latte condensato. La miscela viene poi mescolata e versata sopra a del ghiaccio tritato, ottenendo così una bevanda dolce, dissetante e davvero particolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *