Hofbräu, l’originale birra baverese

La Hofbräu Original è una delle più famose birre prodotte dalla ex birreria Reale, ora diventata proprietà dello Stato bavarese, conosciuto sulle indicazioni stradali come Freistaat Bayern, Stato libero della Baviera. Qualsiasi persona appassionata del mondo brassicolo riconosce la Hofbräu Original come la birra a bassa fermentazione più famosa di tutti i tempi legata alla secolare tradizione bavarese. E’ la classica birra con un normale grado saccarometrico (12 gradi Plato) e una base alcolica di 5,1 gradi in volume. Si contraddistingue per la schiuma abbastanza ricca oltre che per la finezza, densità, aderenza e persistenza. Anche l’aspetto “estetico” ha il suo lato affascinante: si tratta di una birra assolutamente limpida, quasi brillante, con una tonalità tendente all’oro intenso ammaliante.

originale birra hofbrau

Per quanto riguarda le sue proprietà organolettiche, l’intensità olfattiva è sicuramente gradevole mentre la sua finezza olfattiva, caratterizzata da forti accenti di malto sapientemente bilanciati da un erbaceo secco con sentori di fieno, avvolge le note di luppolo fresco. Sfumature di miele e un pizzico di etilico completano il quadro olfattivo di questa pregiatissima “bionda”.
Al primo sorso si percepisce immediatamente il sapore del malto e, lentamente che la birra si riscalda, libera in bocca “emozioni” a base di toni biscottati e di miele d’acacia.

Degna di nota è anche la sua effervescenza, improntata al fresco e mai invasiva, che dona grande equilibrio all’intera struttura rendendola più leggera e abbastanza rotonda.
In merito all’amaro, è chiaro sin da subito che il gusto leggermente dolciastro e forte è dovuto alla massiccia presenza del malto bavarese, il vero protagonista indiscusso, che soppiantando il luppolo utilizzato in misura ridotta, conferisce alla birra quel leggero tocco mielato. In sostanza, il bilanciamento gustativo è tendenzialmente dolce, mentre il retrogusto non è molto ricco a causa della bassa fermentazione. Ad ogni modo, la persistenza delle “sensazioni” retro olfattive è di gran lunga superiore.

Storia e curiosità

Il birrificio, come la maggior parte delle più famose taverne brassicole conosciute in tutto il mondo, è nato a Monaco di Baviera negli ultimi anni del 1500, grazie all’intuizione del Duca Guglielmo V, una figura importante dell’epoca a capo di un popolo circondato da una Corte dai gusti e bisogni alquanto difficili che riteneva poco invogliante la birra proveniente dalla regione bavarese. Infatti, a quei tempi la birra era regolarmente importata da Einbeck, una città della Bassa Sassonia ma non aveva caratteristiche organolettiche sorprendenti.
Annoiato da questa situazione, il 27 settembre del 1589, il Duca riunì tutti i membri del consiglio per trovare una soluzione al problema e, in brevissimo tempo, il verdetto finale mise d’accordo tutti: era necessario costruire una birreria reale! L’arduo compito fu affidato a Heimeran Pongraz, il mastro birraio dell’Abbazia di Geisenfeld, che diede vita all’intera opera nel cortile dell’allora residenza ducale, l’Hofbräuhaus (Staatliches Hofbräuhaus in München, letteralmente “Birrificio Nazionale della Corte in Monaco”).

La produzione vera e propria iniziò nel 1592 con la creazione di una birra scura che non fu di gradimento al figlio del Duca, Massimiliano I, il quale preferiva birre più acidule e rinfrescanti, a base di malto di grano. E fu proprio per questo motivo che, nel 1602, emanò una legge che impedì a tutte le taverne e ai laboratori brassicoli di realizzare birre di frumento (Weissbier), attribuendo il monopolio all’Hofbräuhaus. Tutto ciò determinò un’elevata richiesta di questa varietà di birra a tal punto tale che, nel 1607, fu indetta la costruzione di un secondo laboratorio brassicolo al Platzl: ancora oggi l’HB è lì a dimostrare la sua storicità. Qualche anno più tardi fu decretato un editto che autorizzava le osterie e i locali bavaresi ad acquistare birra dalla Birreria di Corte con l’obiettivo di venderla non soltanto ai cortigiani ma anche alla “massa”: l’anno 1610 segnò l’inizio del successo delle birre dell’Hofbräu.

Abbinamenti gastronomici

La Hofbräu Original si classifica come una birra classica, dal corpo medio, con un abbinamento culinario ad ampio raggio. Di norma, l’abitudine e la cultura italiana accostano questa birra a pizze tradizionali, come la Marinara e la Margherita. La pizza sarà sicuramente un “must”, ma anche gustarla con il tipico ‘street food’ tanto famoso in Germania, come i würstel e i crauti, è altrettanto stuzzicante. Infine, un buon abbinamento potrebbe essere quello a base di insalate fredde con wurst, tendenti all’amarognolo, in modo da equilibrare la nota dolce che attenua l’acido dei sottaceti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *