Tipologie di caffè in vendita

Il caffè nasce dalle bacche della omonima pianta appartenente al genere Coffea, ma se da una parte l’origine ‘biologica’ è una sola, dall’altra vi sono innumerevoli modi di consumare questa popolare bevanda. Oggi tutte queste tipologie di caffè sono comodamente a disposizione in qualsiasi supermercato, per la gioia del consumatore che può scegliere quella che fa al caso proprio.

Tipologie di caffè in vendita

Il caffè in grani

Rappresenta senz’altro la scelta obbligata per i puristi del caffè, che desiderano gustare una bevanda di alta qualità. Il fatto che i chicchi di caffè siano perfettamente integri consente infatti di trattenere al loro interno gli aromi e i sapori caratteristici della varietà, garantendo un’esperienza sensoriale senza paragoni. Per utilizzare questo caffè è necessario disporre della strumentazione adatta per macinarlo, che una volta era manuale (ricordate i vecchi “macinini” delle nonne?) ma che ora avviene mediante dispositivi a funzionamento elettrico.

Il caffè macinato

La tipologia di caffè più venduta nei negozi è senza dubbio questa, poiché pronta all’uso e disponibile in una vasta gamma di opzioni: dal caffè espresso a quello aromatizzato, dal decaffeinato al biologico, di varianti macinate ne esistono davvero per tutti i gusti. Con la macinatura dei chicchi alcune delle loro caratteristiche organolettiche tendono inevitabilmente a perdersi, anche se grazie alle moderne tecnologie del packaging oggi un caffè macinato di qualità non è troppo dissimile da uno in grani.

Il caffè in cialde

Le cialde altro non sono che filtri preconfezionati, di dimensioni e forme variabili e generalmente in carta, che contengono al loro interno una dose di caffè macinato che può essere preparata in modo diverso. Mentre alcune cialde devono essere impiegate in apposite macchinette, altre sono utilizzabili anche nelle comuni caffettiere e presentano il vantaggio di essere predosate e pronte all’uso. Vi sono anche cialde da infusione che, esattamente come avviene con il tè, vanno collocate in una tazza versandovi sopra acqua bollente.

Il caffè in capsule

Pur essendo anch’esse predosate e pronte all’uso come le cialde descritte precedentemente, le capsule di caffè sono costituite da un involucro rigido di plastica, alluminio o materiali biodegradabili. Solitamente ogni azienda produttrice di macchine da caffè realizza una sua linea di capsule che, per via delle loro caratteristiche, non sono intercambiabili tra i dispositivi dei diversi brand. Oltre alle capsule “ufficiali”, vi sono però anche capsule compatibili prodotte da aziende terze, che garantiscono un certo risparmio.

Il caffè istantaneo

Questa tipologia di caffè è prodotta mediante il processo di liofilizzazione, che consente di ridurre il caffè liquido in tanti granellini secchi e dal peso specifico molto basso, facili da conservare a lungo e da trasportare. Il caffè liofilizzato viene poi reidratato mediante l’aggiunta di acqua bollente, che consente la preparazione di un caffè caldo fumante in pochi secondi. Una bella comodità per chi ad esempio si trova fuori casa o non ha l’opportunità di preparare un caffè con i metodi tradizionali, ma in termini di qualità l’istantaneo potrebbe lasciare piuttosto delusi gli amanti del caffè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *