Vecchio Birraio: birrificio e birreria di qualità

Una delle realtà brassicole più antiche presenti nel panorama nazionale è il Vecchio Birraio che può essere considerato come il precursore del movimento artigianale italiano. Nato il 16 agosto del 1997 a Marsango (PD) da un’iniziativa della famiglia Sauza, già ben inserita nel settore dell’ingrosso delle bevande. In realtà, l’idea di produrre birra artigianale nacque nei primi anni Novanta quando i Sauza parteciparono ad una manifestazione fieristica a Norimberga. Questo episodio accrebbe in loro il desiderio di portare in Italia la filosofia del birrificio più birreria che, purtroppo, fu accantonato a causa di un periodo storico non molto favorevole. Qualche

le birre artigianali del vecchio birraio

Una delle realtà brassicole più antiche presenti nel panorama nazionale è il Vecchio Birraio che può essere considerato come il precursore del movimento artigianale italiano. Nato il 16 agosto del 1997 a Marsango (PD) da un’iniziativa della famiglia Sauza, già ben inserita nel settore dell’ingrosso delle bevande. In realtà, l’idea di produrre birra artigianale nacque nei primi anni Novanta quando i Sauza parteciparono ad una manifestazione fieristica a Norimberga. Questo episodio accrebbe in loro il desiderio di portare in Italia la filosofia del birrificio più birreria che, purtroppo, fu accantonato a causa di un periodo storico non molto favorevole. Qualche anno più tardi, la famiglia Sauza trovò un locale in fitto a Marsango, idoneo sia per dimensione che per struttura alla realizzazione dei loro progetti. Ben presto iniziarono i lavori per l’installazione delle caldaie e delle attrezzature più consone alla produzione di birra artigianale, attraverso la metodologia classica legata inizialmente a sole tre antiche ricette. Col passare degli anni e con il susseguirsi di numerosi mastri birrai, i titolari impararono nuove tecniche brassicole e ampliarono le tipologie di birre prodotte arrivando a quota 16. La particolarità di ogni birra è che ognuna di essa è caratterizzata da qualche peculiarità legata al paese d’origine, come ad esempio quella di punta, la Pils, creata da un grande mastro birraio della Repubblica Ceca.

La mission del birrificio

Le pregiate birre prodotte dal Vecchio Birraio hanno una molteplicità di influssi, a partire da quello tedesco fino ad arrivare a quello anglosassone e belga. Lo scopo della famiglia Sauza non è solo creare varietà di birre dagli aromi e dai gusti ricercati, ma soprattutto di esaltarne le proprietà organolettiche con l’abbinamento di piatti tipici locali di qualità, come risotti, formaggi stagionati, carni di manzo e di maiale, e taglieri di affettati. Con la birra vengono cotte anche numerose pietanze per fondere sapientemente gli ingredienti e creare quel giusto equilibrio armonico di odori e sapori.

Le varietà di birre proposte

Le birre disponibili sono 16 ma le più famose restano sempre quelle di tipo lager ed ale. Di sicuro interesse è la Black Horse, dove già al primo sorso si percepiscono splendidamente le note erbacce e gli aromi di canditi e caffè. Si tratta di una scura tendente al nero, ad alta fermentazione, con un mix di diversi malti tostati. Anche la Red Moon ha la sua importanza, caratterizzata da note dolci, come il cioccolato e il miele, e da un’aroma luppoloso. E’ una rossa doppio malto con un giusto equilibrio di calore e dolcezza grazie ad una attenta luppolatura. A seguire c’è la Sausa Weizen, chiara con una luppolatura leggera e caratterizzata da un gusto fresco e speziato grazie ad un particolare tipo di lievito utilizzato per l’alta fermentazione. Infine, non può non essere menzionata la Sausa Pils, chiara, dorata, secca e impreziosita da note floreali e da un finale leggermente acidulo.
Ad ogni modo, qualunque sia la tipologia di birra scelta sarà sicuramente in grado di soddisfare il palato del cliente e dell’estimatore più esigente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *